achat de viagra en europe Norme generali

effet secondaire du viagra forum Art. 1

I Soci sono tenuti a collaborare tra di loro e con la Direzione al fine di creare un clima di serenità e rispetto reciproco, applicando le elementari regole di educazione e convivenza civile. Ogni Socio è tenuto a collaborare al mantenimento della pulizia e a preservare l’area del Circolo da ogni tipo di inquinamento o corruzione dell’ambiente naturale.

La sorveglianza sui comportamenti opportuni per un buon funzionamento del Circolo spetta al Presidente, che si avvarrà del contributo del C.D.

effet viagra coeur Art. 2

I Soci sono tenuti a rispettare il termine di scadenza del pagamento della quota associativa.

La quota sociale è nominativa e non è ammesso il trasferimento ad altra persona.

Le quote sociali devono essere pagate entro il 31 GENNAIO di ogni anno. E’ DATA FACOLTA’ AI SOCI DI DILAZIONARE IL VERSAMENTO DELLA QUOTA SOCIALE IN TRE SOLUZIONI DA VERSARSI PRIMA DELLA SCADENZA PREVISTA AL 31 GENNAIO E CON IMPROROGABILE SCADENZA: I RATA ANTICIPATA AL 30 NOVEMBRE, II RATA ANTICIPATA AL 31 DICEMBRE, III RATA SALDO AL 31 GENNAIO. OGNI SOCIO E’ TENUTO A COMUNICARE ENTRO IL 30 APRILE IL TIPO DI IMBARCAZIONE CHE INTENDE COLLOCARE NELL’AREA DI STAZIONAMENTO PER LA STAGIONE ESTIVA.

I POSTI BARCA, WINDSURF, CANOE DEVONO ESSERE PAGATI IMPROROGABILMENTE ENTRO IL 30 GIUGNO DELL’ANNO IN CORSO. 

OGNI SPESA AFFRONTATA DAL CIRCOLO PER LA RISCOSSIONE DELLE QUOTE E’ A CARICO DEL SOCIO MOROSO.

IL SOCIO MOROSO NON PUO’ USUFRUIRE DEI SERVIZI OFFERTI DAL CIRCOLO E RIMANE SOSPESO FINO AL PAGAMENTO DELLA QUOTA ANNUALE-

IN CASO DI MOROSITA’ SARA’ APPLICATA UNA SANZIONE PECUNIARIA DELIBERATA ALL’INIZIO DI OGNI ANNO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO.

 

viagra pour homme en france Art. 3

Il coniuge ed i figli conviventi, hanno diritto di ingresso e possono utilizzare i servizi forniti dal Circolo ai Soci. I figli non conviventi dei Soci sono tenuti al versamento della quota associativa ma sono esentati dal pagamento della quota di ingresso.

cialis prix pharmacie quebec Art. 4

Ai figli non conviventi dei Soci non in regola con il pagamento della quota sociale, sarà applicato il regime di ospite.

acheter viagra pharmacie en ligne Art. 5

I Soci possono invitare nella Sede Sociale, facendo uso discreto e limitato di tale facoltà, persone di loro conoscenza in qualità di ospiti del cui comportamento si fanno garanti.

A TAL FINE  E’ ISTITUITO PRESSO LA SEGRETERIA DEL CIRCOLO IL “ REGISTRO DEGLI OSPITI” DOVE IL SOCIO è TASSATIVAMENTE TENUTO A FARE ANNOTARE LA PRESENZA GIORNALIERA DEI PROPRI OSPITI. 

AL FINE DI CONSENTIRE UN CORRETTO E SCORREVOLE FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI PER TUTTI 

E’ CONSENTITA LA PRESENZA GIORNALIERA, PRESSO I LOCALI DEL CIRCOLO, DI UN NUMERO COMPLESSIVO DI 20 OSPITI.

E’ TASSATIVAMENTE VIETATO AGLI OSPITI FARE INGRESSO E UTILIZZARE LE ATTREZZATURE ED I SERVIZI FORNITI DAL CIRCOLO SENZA LA PRESENZA DEL SOCIO OSPITANTE.

Non è consentita la presenza dello stesso ospite dopo la QUINTA annotazione annuale, ANCHE SE OSPITATO DA SOCI DIVERSI.

Sono sollevati dall’obbligo di annotazione gli ospiti che partecipano alle regate o altri eventi, organizzati dal Circolo ed i loro familiari.

ART 5 BIS

LA SORVEGLIANZA SU QUANTO STATUITO ALL’ART. 5 E’ AFFIDATA AL PERSONALE DIPENDENTE DEL CIRCOLO CHE OVE DOVESSE RAVVISARE IRREGOLARITA’ CIRCA LA PRESENZA DI OSPITI DOVRA’ INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE, INVITANDO IL TRASGRESSORE A REGOLARIZZARE LA PROPRIA POSIZIONE.

DI QUALSIVOGLIA IRREGOLARITA’, APPENA POSSIBILE, IL PERSONALE DIPENDENTE DOVRA’ INFORMARE IL PRESIDENTE. 

DOPO LE CINQUE PRESENZE E’ POSSIBILE PROLUNGARE LA PRESENZA DELL’OSPITE PREVIO PAGAMENTO DI EURO 5 GIORNALIERI PER UN MASSIMO DI DIECI GIORNI TOTALI.

 

cialis ou acheter pharmacie Art. 6

I figli dei Soci minori di anni 10 possono frequentare la Sede Sociale del Circolo solo se accompagnati dal genitore, se affidato dal genitore all’Istruttore per il periodo necessario all’attività di scuola vela ovvero se affidato ad altro Socio.

como se le llama à la viagra Art. 7

Su proposta del C.D., l’Assemblea ordinaria, può conferire il titolo di Socio Onorario a qualunque persona che abbia compiuto atti significativi a favore del Circolo o nel campo della marineria.

Al Socio Onorario il Circolo offre la tessera sociale a vita e lo solleva dal pagamento della quota di ingresso e della quota associativa.

I Soci Onorari non hanno diritto di elettorato attivo e passivo.

meilleur viagra pour femme Art. 8

Presso la Sede Sociale per iniziativa del C.D. o su richiesta di Enti o privati, potranno avere luogo mostre d’arte, convegni, dibattiti, incontri, cerimonie, conferenze, tornei di giochi, manifestazioni teatrali. Il C.D. nel farsene promotore o nel concedere autorizzazione, non dovrà ridurre la piena disponibilità dei locali i Soci per periodi prolungati.

Le iniziative suddette dovranno essere stabilite a medio termine dandone comunicazione ai Soci mediante affissione in bacheca almeno 7 giorni prima dell’evento.

Sono comunque vietate iniziative di carattere politico o che determinino impegni finanziari e spese di qualunque genere a carico del bilancio del Circolo, salvo quelle a scopo di beneficenza.

Sede ed attrezzature

faut il une ordonnance pour prendre du viagra Art. 9

Il Circolo non assume responsabilità alcuna verso chiunque, compresi i Soci, danneggi o sottragga cose di proprietà dei Soci o di terzi, situate all’interno dello stesso.

Il Circolo altresì declina qualsiasi responsabilità per i danni che i Soci, i loro familiari ed i loro ospiti dovessero subire o causare a terzi in occasione dello svolgimento di qualsiasi attività sociale o personale entro o al di fuori di esso.

Art. 10

L’uso delle attrezzature sociali fisse e mobili deve essere esercitato con la massima cura, comunicandone l’eventuale inefficienza al personale responsabile. Gli eventuali danneggiamenti sono a carico dei responsabili.

E’ severamente proibito usare imbarcazioni di altri Soci senza l’assenso dei legittimi proprietari.

Art. 11

E’ fatto obbligo ai Soci nell’uscita in mare con qualsiasi tipo di imbarcazione, utilizzare il corridoio di lancio.

Ogni attività nautica deve essere svolta nel pieno rispetto delle norme di sicurezza.

Soci ed equipaggi sono tenuti ad indossare una tenuta decorosa, a mantenere un contegno educato e corretto, ad attenersi all’obbligo di assistenza ed aiuto a quanti ne avessero bisogno.

Art. 12

I Soci devono occuparsi delle proprie imbarcazioni provvedendo a movimentarle in caso di necessità, in particolare durante periodi di mareggiata.

I Soci sono responsabili delle operazioni di alaggio della propria imbarcazione nel rispetto delle norme di sicurezza prestando attenzione che nell’area di manovra non sostino persone e/o cose.

Dopo l’alaggio il carrello va riportato presso il proprio posto barca evitando di impedire o danneggiare il transito di altre imbarcazioni e/o persone.

E’ severamente vietata la sosta delle imbarcazioni all’interno dei 5 mt. della battigia.

Art. 13

I Soci non possono effettuare lavori straordinari di manutenzione delle loro barche (stuccature, verniciature, saldature etc) sull’arenile e comunque in zone destinate al soggiorno dei Soci.

Al termine del lavoro il Socio dovrà provvedere a raccogliere i rifiuti e deporli negli appositi contenitori avendo cura di lasciare l’area impegnata in perfetto ordine.

I Soci non possono affidare al personale di servizio lavori o compiti inerenti le imbarcazioni ad eccezione dell’alaggio.

Tutte le imbarcazioni devono essere dotate di carrello di alaggio munito di ruote gommate idonee alla movimentazione sull’arenile.

Art. 14

Il C.D. si riserva il diritto, dopo aver inviato preavviso scritto al Socio, di allontanare le imbarcazioni dalla Sede Sociale, a spese del Socio inadempiente nei casi di incuria ed abbandono.

Art. 15

Il Circolo non dispone di un servizio continuo di sorveglianza a terra e di assistenza e soccorso in mare. Tali attività sono possibili solo attraverso una organizzazione su base volontaria dipendente dalla disponibilità dei Soci.

E’ responsabilità individuale la valutazione delle proprie capacità a svolgere l’attività velica in funzione delle condizioni meteo-marine.

Art. 16

E’ fatto divieto di conservare in ogni parte della Sede Sociale materiali soggetti a putrefazione, collaggio, infiammabili ed esplosivi.

Nei locali spogliatoio è vietato depositare o abbandonare vestiario, attrezzi o qualsiasi altro materiale.

Art. 17

Il Circolo adibisce una parte dell’arenile a solarium, onde consentire ai Soci di collocare sdraie e ombrelloni in dotazione alla sede. Non è consentito prenotare o riservare con indumenti ed altri oggetti sdraie e ombrelloni.

Art. 18

La veranda e le attrezzature sono a disposizione di tutti i Soci. Durante le ore diurne non è consentito prenotare o riservare con indumenti ed altri oggetti i tavoli.

Attività agonistica

Art. 19

L’organizzazione di regate veliche e la partecipazione alle attività agonistiche federali costituisce il massimo contributo che il Circolo offre alla pratica ed alla promozione dello sport velico in campo nazionale ed internazionale, in quanto vi impegna la maggior parte dei suoi beni mobili ed immobili, nonché l’opera volontaria di tutti i Soci.

Art. 20

Tutti i Soci sono tenuti a facilitare e promuovere l’attività agonistica e le manifestazioni nautiche del Circolo.

Art. 21

I Soci che intendono partecipare ad attività agonistica devono seguire le direttive del Direttore Sportivo che decide sentito il parere della Commissione sportiva.

La Commissione Sportiva è nominata e presieduta da Direttore Sportivo.

All’inizio di ogni anno solare il C.D. approva il programma agonistico su proposta della Commissione Sportiva.

Art. 22

Gli atleti inseriti nella squadra agonistica sono esentati dal pagamento della quota sociale.

Art. 23

L’inserimento nella squadra agonistica è deliberato dalla Commissione Sportiva sulla base della frequenza al programma di allenamenti ed alla partecipazione all’attività agonistica federale.

Art. 24

L’uso dei mezzi sociali, furgoni, carrelli, gommoni, etc., destinati alla realizzazione degli scopi sociali ed agonistici, è regolamentato dal responsabile nominato dal Direttore Sportivo.

Art. 25

In occasione di manifestazioni sportive, il C.D., può chiedere ad ogni Socio di spostare la propria imbarcazione, onde consentire la sistemazione delle imbarcazioni partecipanti.

 

iscriviti adesso

Iscriviti adesso! Scarica il modulo che trovi nell'apposita sezione, vieni a scoprire il nostro team. Compila il modulo o contattaci per info o assistenza.

contattaci